Come scegliere il tuo TELEVISORE

    Segui

    Sei indeciso su quale tipo di televisore acquistare? Di seguito puoi trovare dei piccoli suggerimenti da tener presente per l'acquisto.
    guidatelevisori_img

    Il primo punto da considerare è la posizione del tuo nuovo televisore. Dove verrà posizionato? In camera da letto o in salotto? Quanto ampi sono gli ambienti? Le dimensioni in questo caso fanno la differenza.

    Dimensioni schermo
    Più grandi saranno gli ambienti e la distanza di visione, più grande potrà essere lo schermo. Generalmente per una camera da letto viene consigliato un TV da 32''. Per il salotto invece, a seconda dell'ampiezza della stanza troviamo prodotti da 45'' a 75''.
    Scopri più dettagli in merito alle dimensioni degli schermi rapportate alla distanza di visione:
    guidatv_tabellapollicitv

    QLED:
    sono pannelli LED che, grazie all'azione dei Quantum Dot, emanano una luce perfettamente neutra (cioè senza inflessioni cromatiche) che, passando attraverso il filtro colore, garantiscono al 100% la fedeltà dei colori dello standard cinematografico (DCI-P3).
    Inoltre, grazie al fatto di utilizzare materiali inorganici (i QD appunto), si assicura una vita del pannello molto lunga e un utilizzo del display sia come TV tradizionale, che come monitor per console di gioco o PC e come riproduttore di immagini statiche senza il rischio che queste rimangano impresse sul pannello stesso (effetto ghost o burn-in).

     

     

     

    Risoluzione
    Oltre alla dimensione e alla tecnologia, è importante valutare anche la risoluzione dello schermo del televisore.

    guidatv_logohdready

    HD ready: Risoluzione 1366x768 pixel. Utilizzata ormai solo su pannelli di piccola dimensione sino a 32'' e adatta a visionare contenuti misti e TV.

    guidatv_logofullhd

    Full HD: Risoluzione 1920x1080 pixel. Adatta per visionare Blu-ray e contenuti streaming.

    guidatv_logo4k

    4K: Risoluzione 3840x2160 pixel, quindi quattro volte superiore ad un Full-HD. Questo determina dettagli dell'immaginazione più precisi e linee più morbide. Adatta a console gioco, Netflix e ogni moderno contenuto televisivo.

    guidatv_logo8k

    8K: Risoluzione 7680x4320 pixel. Ultimissima frontiera tecnologica con dettaglio massimo per esaltare ogni particolare e sfumatura d'immagine. Non essendoci ancora molti contenuti nativi a questa risoluzione i tv più evoluti hanno un processore interno che, grazie all'intelligenza artificiale, ottimizza la qualità a prescindere dalla risoluzione di partenza raggiungendo gli 8K.

    Funzioni SMART
    Si definisce Smart TV, un televisore dotato di connessione internet per poter utilizzare il web e applicazioni personalizzate. Con tali funzioni è quindi possibile usufruire di contenuti video on-demand, noleggio di film online o navigazione su social network e varie piattaforme online. Si può programmare la registrazione di programmi televisivi e la navigazione può essere gestita direttamente dal proprio smartphone. Tramite lo Smart View, si possono inoltre condividere i contenuti direttamente dal proprio dispositivo. La multimedialità e l'interattività di questa caratteristica hanno determinato un cambiamento radicale, sia nelle funzionalità messe a disposizione degli utenti, sia nella fruizione stessa dei contenuti.

    Nuovi sistemi operativi specifici per tv sono quindi nati per offrire l'esperienza d'uso più completa e semplice. I più diffusi sono:
    TIZEN TV: Sviluppato da Samsung per i suoi LEd e Qled propone una grande varietà di app ed è di semplice utilizzo.
    WebOS: Sviluppato da LG per tutta la sua gamma smart: app più importanti e diffuse, semplice utilizzo.
    Android TV: Sviluppato da Google riproducento il successo del sistema Android per apparati mobili.
    Linux: Sviluppo open source misto presente in brand minori o nelle fasce di prodotti economici.

     

    Qualità immagine
    Se il tipo di display e la risoluzione sono determinanti per la resa finale dell'immagine, non da meno sono altre caratteristiche: luminosità di picco e rapporto di contrasto, angolo di visione, HDR, processore immagine.

    Refresh rate: È la frequenza di aggiornamento di uno schermo e indica quante volte al secondo l'immagine subisce un refresh. E’ misurabile in hertz, ha valori medi che oscillano fra i 50 ed i 250 Hz. In molti casi, tuttavia, ci sono soluzioni “marketing” per cui risultano valori duplicati o superiori: in questi casi vengono sfruttati sequenza consecutive di frames differenti ma così facendo, se è vero che la fluidità cresce, non migliora la qualità.

    Luminosità e rapporto di contrasto: Detta anche luminanza del pannello, la luminosità si misura in nits ed esprime l'intensità luminosa della superficie frontale del display. I migliori modelli superano la soglia dei 1000 nits. Il contrasto è invece la differenza di luminosità che intercorre fra un'immagine nera ed una bianca. In ogni caso, maggiore è il divario, migliore sarà la qualità dell'immagine stessa.

    Angolo di visione: Indica l'ampiezza dell'angolo entro il quale la visione della TV manterrà perfette caratteristiche di luminosità e contrasto.

    HDR: Acronimo di High Dinamic Range, questa tecnologia ha rivoluzionato la qualità dei prodotti dal 2019 portando le immagini a livelli di luminosità e contrasto mai visti prima. Lavorando sui singoli pixel che costituiscono lo schermo l'HDR produce un incremento della gamma dinamica, introducendo colori non riproducibili in precedenza: l'immagine diventa più realistica ed i contrasti fra zone di luce e d'ombra si vanno accentuando incredibilmente.
    Esistono degli standard concordati per la fruizione delle elaborazioni dei contenuti visivi HDR: i più noti sono il Dolby Vision, l'HDR10 e l'HDR10+.
    I nuovi Blue Ray 4K HDR e alcune piattaforme di streaming (come Netflix) garantiscono tale qualità.

     

    NOTA SULLA GARANZIA
    Una differenza commerciale è la distribuzione di prodotti con circuito nazionale o import. Nello specifico l'unica differenza funzionale tra un Tv garanzia EU e ITA è normalmente legata alla localizzazione del software dei decoder interni: spesso gli EU hanno ordinamento dei canali diverso e possono non essere certificati per tutte le Cam italiane. Per il resto rimane inalterata la garanzia sempre di 24 mesi.

     

    Questo articolo ti è stato utile?
    Utenti che ritengono sia utile: 54 su 64

    Hai ancora bisogno di aiuto?

    Inoltra la tua richiesta al nostro Customer Care, ti risponderanno quanto prima!